Hai bisogno di un dispositivo facilmente integrabile con sistemi preesistenti e che non necessiti di sviluppo software?

EKS Light

EKS Light è ottimizzato per un’integrazione rapida e diretta con i PLC delle macchine. A tale scopo, la chiave elettronica dispone di una memoria scrivibile. Attraverso l’inserimento della stessa nel dispositivo di sola lettura EKS Light, il PLC può avere accesso ai dati presenti sulla chiave utilizzando normali schede di ingresso.

EKS Light ha inoltre prezzi più contenuti rispetto all’EKS standard, è versatile e più semplice da integrare anche in macchine già esistenti e dispone di un semplice software dedicato (EKM) già disponibile per programmare le chiavi.

Con la versione Light puoi avere non solo l’hardware EKS, ma una soluzione integrata per la gestione dei gruppi di utenti (chi può accedere a cosa) e dei livelli di accesso (cosa può fare l’utente).

A tal fine, l’inserimento della chiave elettronica all’interno del lettore permette l’identificazione dei gruppi di utenti aventi fino a 16 livelli di accesso diversi oppure all’identificazione puntuale del singolo utente, permettendo così il tracciamento dei dati di produzione dei lotti.

Per garantire l’accesso sicuro ai modi operativi delle macchine, il dispositivo prima verifica se la codifica della chiave elettronica è valida, impedendone la duplicazione, e successivamente ne va a leggere il contenuto, consentendo così all’utente di effettuare le operazioni prestabilite. In questo caso, il livello di accesso viene determinato e trasferito al sistema di controllo attraverso l’Interfaccia parallela a 4 bit. L’autorizzazione per una specifica funzione della macchina deve essere preassegnata nel sistema di controllo per ogni livello di accesso rilevato.

Con EKS Light vengono dunque garantiti la tracciabilità e il controllo sicuro degli accessi in modo semplice e dinamico.

Hai necessità di programmare in modo autonomo le chiavi o riconoscere il nome utente dell’operatore?

EKS standard

Per l’utilizzo dell’EKS standard, l’utente deve prevedere la struttura dei dati sulla chiave elettronica e definirne l’interpretazione. A tale scopo il cliente deve programmare la logica di elaborazione nel sistema di controllo in modo che le funzioni soddisfino esattamente le proprie esigenze. Questo permette di controllare specifiche funzioni della macchina, memorizzare i parametri di processo ed eventualmente la data di scadenza della chiave elettronica, tracciare gli eventi e stabilire diritti di accesso diversi per più processi.

Con l’EKS standard è possibile riconoscere anche l’utente a cui è associato un livello di accesso e facilitare il sistema di tracciamento dei lotti di produzione.
Sono disponibili varie interfacce dati per il dispositivo di identificazione EKS Standard, tra cui:

Interfacce dati Eks

A prescindere da quale sia l’EKS più adatto alle tue esigenze, entrambe le versioni presentano alcune caratteristiche comuni:

  • possono essere acquistati in versione FSA (For Safe Application) per arrivare a cat. 4 PLe secondo ISO 13849-1
  • hanno una versione con centralina integrata che raggiunge un grado di protezione IP67 e una versione compatta con centralina separata per minore ingombro a quadro macchina e adatta a norme igieniche con grado di protezione fino a IP69/IP69K
  • la stessa chiave, qualora debba essere utilizzata sia per EKS che per EKS light, può essere utilizzata per entrambi i dispositivi
  • programmi software di supporto per agevolare scrittura chiavi

Condividi questa news